Australian Site | Storia Nostra | News | Area Soci | Contattaci | Orario Valuta
  Ricerca
Iscrizioni | Di tutto di pił | Login | Chi siamo | Forum
 
  Home
  News e altro
  Link
  News
  F.A.Q.
  Australia
  Servizi
  Statuto
  Disclaimer
  Contatti
 
 
 

 News e Altro » News
 SCARSITA' CRESENTE DI MANODOPERA AVVIA IL GOVERNO A NUOVE DECISIONI SULL'IMMIGRAZIONE
 
La scarsità di mano d’opera cresce e sta per far cambiare politica al governo australiano. Da settembre intanto il governo annuncia che sarà aggiornata la lista delle occupazioni di cui c’è possibilità di lavoro includendo altre categorie attualmente escluse come quelle di autotrasportatori, camionisti, escavatori. Il dipartimento dell’immigrazione è sollecitato da molti gruppi di datori di lavoro perché sia reso più facile l’accesso a mano d’opera semi qualificata. Il dipartimento dell’immigrazione ha intanto confermato che sebbene da parte dell’industria ci sono pressioni, la politica di valutazione dei requisiti di lavoratore esperto non cambia. I gruppi di datori di lavoro insistono che comunque sia ampliato il numero di categorie incluse nella cosiddetta “Occupation List” la quale è ormai vecchia di 10 anni. Da parte sua l’ Associazione Italia–Australia richiama l’attenzione degli interessati affinché da settembre si rimettano nuovamente in contatto con l’agente di immigrazione di fiducia dell’Associazione, Christine Knight, tutti coloro che sino ad ora a causa della non inclusione della loro categoria nella lista occupazionale sono stati scoraggiati dal presentare domanda di emigrazione. L’opposizione laburista è invece molto perplessa sull’allargamento delle fasce occupazionali di immigrazione perché ritiene che questa sia una manovra per rendere il lavoro degli australiani più precario e meno remunerato. Si sono registrati vari episodi in settori come quelli della macellazione animali e dei lavoratori agricoli in cui sono stati fatti entrare asiatici, pagati e trattati a livelli molto bassi. In alcuni casi i proprietari sono stati denunciati per avere prima dichiarato la chiusura di stabilimenti licenziando quindi la mano d’opera per poi aprirne altri con lavoratori asiatici fatti entrare con un visto temporaneo, pagati molto meno. La riforma del lavoro è attualmente in corso e il leader laburista dell’opposizione ha reso noto che i laburisti si opporranno a qualsiasi iniziativa dei datori di lavoro atta a usare la nuova normativa allo scopo di licenziare e di assumere immigrati a salari più bassi. Intanto da parte del governo e di settori industriali le trattative proseguono a tutto campo per allargare l’accesso in Australia con uno visto di immigrazione temporanea regolato dalla normativa 457 collegato ad uno contratto di lavoro speciale. Da parte dell’Associazione Italia–Australia, gli esperti fanno notare che comunque l’interesse degli italiani per l’Australia è sostanzialmente delineato da due gruppi di persone. I giovani ed i professionisti. I primi hanno finalmente accesso in Australia attraverso lo schema vacanza lavoro di 12 mesi prorogabile per altri 12 mesi. Questo schema soddisfa in pieno l’esigenza di “fare una esperienza in Australia”. L’Australia non è il rifugio dorato che la classe media italiana si immagina, e che è composta da professionisti i quali prima di tutto devono essere fermamente convinti che l’Australia è l’ambiente ideale per rompere i ponti con l’Italia e svilupparvi una vita serena e felice se si ha o si abbia intenzione di farsi una famiglia numerosa. Progetti adattai alla classe media italiana, richiedono un inserimento nella società produttiva australiana con requisiti professionali solidi e rispondenti agli standard australiani, con alla base sempre, una perfetta conoscenza della lingua inglese parlata e scritta. Le remunerazioni australiane sono meno appetibili che mai. Fino a 10 anni fa’ il dollaro australiano valeva quasi mille lire italiane. 30 anni fa il dollaro australiano valeva 1800 lire di allora. Il dollaro australiano oggi vale poco più della metà dell’euro. Con questi parametri in mente , l’Australia diventa un paese molto interessante da prendere on considerazione per la qualità della vita che è nella graduatoria mondiale ai primissimi posti. L’Australia è il paese in cui fare soldi con progetti per mettersi a lavorare autonomamente se si hanno i mezzi finanziari e l’esperienza richiesta nei numerosi settori in cui l’Australia offre grandi prospettive di mercato nazionale ed estero per i rapporti agevolati che ha con i paesi dell’Asia. Per i giovani che devono e hanno tutto il tempo a disposizione per aprirsi con intelligenza una strada in Australia meglio che in Italia, c’è il visto vacanza lavoro e quello di studio. Studiare e vivere in Australia con il dollaro deprezzato rispetto all’euro e con la possibilità di avere un permesso di lavoro anche se limitato come studente, l’Australia è di grande interesse.



VI INTERESSA CONTINUARE AD ESSERE GIORNALMENTE INFORMATI SULLA REALTA' AUSTRALIANA IN AUSTRALIA E NEL MONDO ?



 
Stampa questa pagina
 

 
 
 
 
 
 
 
Australian Site | Storia Nostra | News | Area Soci | Contattaci | Orario Valuta