Australian Site | Storia Nostra | News | Area Soci | Contattaci | Orario Valuta
  Ricerca
Iscrizioni | Di tutto di pił | Login | Chi siamo | Forum
 
  Home
  News e altro
  Link
  News
  F.A.Q.
  Australia
  Servizi
  Statuto
  Disclaimer
  Contatti
 
 
 

 News e Altro » News
 DIBATTITTO ENERGETICO IN PRIMA PAGINA CARBONE URANIO E FONTI ALTERNATIVE
 
L’Australia a livello governativo federale e statale ha in fase molto avviata, un articolato dibattito sull’inquinamento globale.
L’energia nucleare è tornata in prima linea nei dibattiti raccogliendo adesioni da più parti.
L’opposizione alla costruzione di impianti nucleari per produzione energetica resta sempre netta.
La coalizione al governo sarebbe favorevole al nucleare, l’opposizione laburista si dichiara contraria. Sullo sfondo ci sono migliaia di lavoratori delle miniere di carbone e le decine di miniere carbonifere di cui l’Australia è ricca.
Per gli antinuclearisti, l’alternativa energetica è costituita dalla ricerca che in Australia è già molto avanzata, sul trattamento del carbone per renderlo pulito, non inquinante.

L’industria per la produzione di energia eolica è in costante evoluzione ed espansione in ogni parte del continente australiano.

Si distingue anche una corrente sempre più numerosa di sostenitori dell’energia solare. A questo settore è rivolta l’attenzione di ricercatori ed industriali. John Lasich industriale specializzato nella ricerca e produzione di energia solare afferma che il sistema per la produzione di energia solare di cui la sua impresa si occupa da anni, sarà quello che risolverà il problema e fornirà un giorno tutta l’energia necessaria all’umanità e senza costi.

Nel sole è il futuro dell’energia pulita e con essa si muoverà il mondo.

John Lasich è uno dei leader di innovatori australiani che sostengono di poter imbrigliare energia rinnovabile non confinando l’argomento al carbone , al vento ed al gas ed anche al nucleare ma alla ricerca sull'immensa e inesauribile energia che la terra già riceve dal sole e che immagazzina nelle sue viscere.

Si tratta di costruire impianti che trasformino le radiazioni solari in energia, fare ricerche penetrando nella crosta terrestre per sfruttarne le immense riserve di rocce calde convogliandone il calore in gigantesche turbine che lo trasformino in energia.

John Lasich ha, nella sua impresa Solar System di Melbourne, il centro di ricerca e produzione di energia basata su concetti avanzati di applicazione del calore solare e terrestre più all'avanguardia in Australia e nel mondo.
Attualmente le alternative sono più costose di quelle offerte dal carbone, ma la distanza tra nuove alternative ed il carbone si va riducendo sempre di più.

Le ricerche che in Australia continuano e si sviluppano alacremente per trovare alternative al carbone pulito i cui costi aumetano sempre di più.

Scienziati ed industriali australiani ritengono che entro 30 anni l’energia solare fornirà metà delle necessità energetiche australiane.

Sul tavolo ci sono ormai tutti i progetti alternativi che riguardano l’applicazione eolica in grande sviluppo, la ricerca e l’applicazione dell’energia solare che procede legata a importanti miglioramenti di applicazione tecnologica per renderla disponibile in qualsiasi situazione meteorologica, l’imbrigliamento e conduzione in superficie del calore della crosta terrestre.

I pareri contrastanti sono anche loro tutti esposti. Il capo del Tarong Energy, Dave Quinn, impresa che produce energia principalmente da generatori alimentati a carbone, afferma che l’alternativa energetica eolica senza i sussidi governativi è antieconomica.

La coalizione liberale e i laburisti devono necessariamente fare entrare la politica in questo argomento vitale per il presente ed il futuro del paese.

Ma sono molto prudenti del come farlo e di come gestire politicamente la questione che potrebbe essere decisiva sui risultati delle ormai prossime elezioni. La lobby dei sostenitori del carbone è potente sia per le miniere che per il gran numero di lavoratori occupati. Ecco perchè si è aperto adesso vivacemente il dibattito sul nucleare, la politica lo ha inserito nelle sue campagne elettorali. Se cede il fronte dei sostenitori del carbone, può trovare spazio la questione nucleare perché l’Australia è ricca non solo di miniere di carbone ma anche di quelle di uranio. Trasferire i consolidati interessi economici e occupazionali da un settore minerario ad un altro è più facile, politicamente, di sostenere nuove alternative.



VI INTERESSA CONTINUARE AD ESSERE GIORNALMENTE INFORMATI SULLA REALTA' AUSTRALIANA IN AUSTRALIA E NEL MONDO ?




 
Stampa questa pagina
 

 
 
 
 
 
 
Australian Site | Storia Nostra | News | Area Soci | Contattaci | Orario Valuta